Hair Care w/SheInAir

Ciao ragazze,

benvenute sul blog. Oggi vi volevo parlare di un sito di extension per capelli: SheInAir.com

Mentre navigavo sul web, ho potuto notare questo sito. Siamo a fine ottobre, periodo delle castagne, e a me succede che cominciano a cadere i capelli. Certo, non √® una perdita allarmante ūüôā

 

Non sono una ragazza che porta l’extension, per√≤ in questo periodo sarei curiosa di provarle. Ho visto alcuni modelli, e adesso vi mostro quelli di cui sono interessata a provare.

 

 

 

Questo √® il primo modello ‘standard’ monocolore e con le clip.

Secondo modello ombre, che vorrei provare poichè vorrei schiarire da metà lunghezze fino alle punte.

 

Chi utilizza l’extension, sa che vi sono due versioni: con la cheratina e con le clip. Io preferisco le clip, perch√® sono molto pi√Ļ facili da applicare.

 

Ragazze, cosa ne pensate? Io sono molto indecisa. Helpme!

 

Giusy

Continue Reading

I migliori trattamenti per capelli bio

Ciao ragazze,

oggi parliamo dei migliori trattamenti per capelli bio.

Da quasi 3 anni mi sono convertita ai prodotti per capelli bio, e vi posso garantire che i risultati ci sono.

Come ben sappiamo, vi sono vari tipi di shampoo adatti ad ogni tipologia di esigenza.

 

Prima di mostrarvi i vari shampoo che mi sento di consigliarvi, ci tengo a descrivere le tipologie di capelli.

 

CAPELLI SECCHI:

I capeli secchi si presentano con una scarsa produzione di sebo e una insufficiente lubrificazione del capello.

I motivi possono esser ereditarietà, e in questo caso bisogna ricorrere ad un medico che prescrive un prodotto specifico.

Il vento, il sole eccessivo, aiutano a rendere il capello ancora pi√Ļ secco. L’uso eccessivo del phon, delle piastre, dei shampoo/creme, sono la combo perfetta per rendere i capelli opachi e ruvidi.

Le strutture sono:

Capelli ruvidi: sono caratterizzati da squame aperte e sono causati dai prodotti troppo alcalini.

Capelli sfibrati: generalmente sono causati da interventi chimici come la decolorazione, permanente.

Capelli biforcuti: hanno le punte biforcute a causa di trattamenti aggressivi, dal calore eccessivo (phon, piastre) e dalle spazzole con le setole dure.

I capelli secchi sono molto delicati, si spezzano facilmente e hanno bisogno di prodotti delicati e specifici.

CAPELLI GRASSI:

I capeli grassi, a differenza dei capelli secchi, hanno le ghiandole sebacee del cuoio capelluto che producono sebo in eccesso fino a renderli pesanti, oleosi, opachi.

Le cause possono essere: agenti atmosferici (smog), prodotti aggressivi. Inoltre, questa condizione è una delle principali cause di caduta dei capelli e di alopecia seborroica.

Tuttavia, i capelli grassi meritano un trattamento altrettanto delicato, perch√® l’obiettivo non √® sgrassare il capello e togliere il sebo, ma di riequilibrare.

 

Detto ciò, vi mostro alcuni prodotti bio per i capelli.

CURA DEI CAPELLI SECCHI:

TRATTAMENTO PRE SHAMPOO

 

Olio di cocco √® perfetto come trattamento pre-shampoo. Inumidite i capelli con acqua, dopodich√® applicate da met√† lunghezze fino alle punte una discreta quantit√† di prodotto. Prendere la Tangle Teezer, e pettinate da met√† lunghezze fino alle punte e poi ripettinate dalla cute fino alle punte. E’ fondamentale fare questo passaggio poich√® evitate di spezzare e strappare i capelli.

Lasciate in posa per 30 minuti e poi risciaquate con acqua tiepida.

 

SHAMPOO:

Shampoo Miele & Aloe di Qualikos BioQ. E’ uno shampoo delicato adatto ai capelli secchi poich√® contiene miele ed aloe, due ingredienti che nutrono i capelli, facilitano la fase ‘pettinare’ i capelli senza strapparli.

E’ importante dire che ogni shampoo, bio o no, deve essere diluito e vi consiglio di acquistare uno spargi shampoo (vedi Biofficina Toscana).

 

MASCHERA OLIO DI ARGAN

 

Nutrire, nutrire e ancora nutrire i capelli. L’ultimo step finale √® una maschera all’olio di argan di Omia Laboratoires. L’ultimo consiglio √® di applicare una discreta quantit√† da met√† lunghezze fino alle punte. Tenete in posa di circa 10 minuti e poi risciaquare con acqua tiepida. Infine, procedete con l’asciugatura.

 

CURA DEI CAPELLI GRASSI:

TRATTAMENTO PRE SHAMPOO

Roots / Radici di Lush: √® un trattamento anticaduta ma √® adatto ai capelli grassi. All’interno trovate olio extravergine di oliva, miele e ortica riequilibrante. Come si usa? I capelli devono essere completamente sporchi, pettinate, e cominciate a suddividere in sezioni e applicate Roots sul cuoio capelluto. Pinzate i capelli con un mollettone, tenete in posa per 20 minuti. Risciacquate con acqua tiepida.

 

SHAMPOO

 

Shampoo Big di Lush: √® uno shampoo volumizzante a base di alghe e sale marino. Abbiamo detto riequilibrare e lui fa per i capelli grassi. Big, oltre a contenere del sale marino che permette di creare un leggero scrub alla cute e di ridurre il sebo in eccesso, contiene anche dell’olio extravergine di cocco che permette di nutrire il cuoio capelluto.

Il procedimento è davvero semplice: bagnate i capelli e prendere una piccola quantità e massaggiate sulla cute fino a quando non vedrete una schiuma. Basta un solo lavaggio.

STYLING

 

Ultimo step, facoltativo, se volete dare del volume ai capelli, la spuma è un ottimo prodotto. Lei è la mia preferita :).

La uso da un anno ed è un prodotto alternativo e molto valido. Noah è un brand italiano che non utilizza siliconi (per il 99% dei prodotti), parabeni, paraffina, oli minerali, dea e sls.

Inoltre, questa spuma non vi fa indurire i capelli, anzi li lascia morbidi ma allo stesso tempo vi da volume senza appesantire.

 

Spero di esservi stata utile,

a presto.

 

xx

 

 

Continue Reading

Bigodi: applicazione + risultato

Buongiorno ragazze,

ho una news, per i prossimi 15 giorni sar√≤ pi√Ļ libera e potr√≤ recuperare alcuni post :):)

 

Allora oggi vi volevo mostrare i bigodi che ho applicato sulla testa e il risultato :):)

I passaggi sono facili:

– iniziate dal centro (prendete di riferimento l’inizio delle sopracciglia)¬† e prendete una ciocca di circa 1/1.5 cm;

– con il bigodo, iniziate ad avvolgere la ciocca sul bigodo e fate attenzione alle punte (non devono risultare crespe)

 

Fronte:

20141127_141756

 

Lato dx & sx

 

20141127_141917 20141127_141814

– Dividete in un’altra sezione, parendo dal centro verso l’orecchio e avvolgete la ciocca al bigodo in direzione dell’orecchio;

Рcontinuate con la seconda parte del lato da voi separato prima (può essere il lato sinistro o destro)  e continuate a dividere in ciocche fino a terminare la testa.

Se il bigodo non sta fermo, applicate un becco d’oca per fermarlo :).

Retro

20141127_141903

Dall’alto

20141127_142028

Risultato finale:

Fronte:

20141201_181545

 

Retro:

20141201_181529

Lato:

20141201_181550

 

Ragazze questo è il risultato finale, un riccio definito e la radice voluminosa :):)

Voi cosa ne pensate? Ora scappo e vi auguro una buona giornata!

Un bacione,

Giusy!

 

Continue Reading

Attacco della parrucca

Buuongiorno ragazze,

no non sono scappata :D, è solo un periodo indaffarato tra il negozio e casa  (olè!), e le 24 ore per me non bastano..

Ma detto ci√≤, oggi vi volevo mostrare l’attacco della parrucca realizzata sulla testa della mia bambola ūüėÄ

Ovviamente è un lavoro lungo, diciamo 2 ore per realizzarla e non sto qui a spiegarvi passo per passo, anche perchè non penso che voi andiate in giro cosi :D..

 

Frontale:

 

20141121_111337

Lati destra & sinistra:

 

20141121_111411 20141121_111350

Dall’alto:

20141121_111432

Retro:

 

IMG_20141121_111508

 

Ragazze questo √® il mio attacco della parrucca :):) nei prossimi giorni, vi posto le foto dell’applicazione dei bigodi :):)

 

Fatemi sapere cosa ne pensate,

vi abbraccio!

Giusy

 

Continue Reading

Ricci Piatti

Buongiorno fanciulle,

oggi inizia una nuova rubrica dedicata all’acconciature.

Tenete conto che alcune acconciature, come questa ad esempio, √® difficile ricrearla su noi stesse, il perch√® ve lo svelo tra poco, ma √® comunque carino capire o scoprire ‘alternative’ e/o curiosit√† su nuove acconciature e/o metodi.

Da come potete notare dal titolo, oggi si parla di ricci piatti.

Intanto i ricci piatti vengono definiti cos√¨ perch√® non hanno bisogno n√® di phon e n√® spazzola, ma di un pettine, due dita (indice e medio), e tanti becchi d’oca; utilizzando le dita, dopo aver avvolto la ciocca sulle dita, spingendo con il pollice, vi rimane la ciocca arricciata e va ‘appiattita’ sulla testa e fermata con due becchi d’oca.

 

Pronte?

Pt.1:

20141107_075958

Pt.2:

20141107_080036

Pt.3:

20141108_074437

Pt.4:

20141107_080044

Da come potete notare dalle foto sono praticamente divise in piccoli quadratini, e¬† per ogni quadratino, ho preso la ciocca e l’ho avvolta su due dita delle mie mano, l’indice e il medio, infine li ho fissati con due becchi d’oca ad x.

Il risultato finale..

20141110_171451 20141110_171458

Questo √® il risultato che ho ottenuto dopo 4 giorni dall’applicazione dei becchi d’oca…

Alcune di voi si chiederanno perchè non vi ho spiegato bene i passaggi, beh è un lavoro lungo, pensate che io ho impiegato 3 ore per realizzare i ricci piatti.

 

Ragazze questo è il tutto, voi la conoscevate la tecnica del riccio piatto? Fatemi sapere che cosa ne pensate :):)

Un bacione,

Giusy!

 

Continue Reading