Ricci Piatti

Buongiorno fanciulle,

oggi inizia una nuova rubrica dedicata all’acconciature.

Tenete conto che alcune acconciature, come questa ad esempio, è difficile ricrearla su noi stesse, il perchè ve lo svelo tra poco, ma è comunque carino capire o scoprire ‘alternative’ e/o curiosità su nuove acconciature e/o metodi.

Da come potete notare dal titolo, oggi si parla di ricci piatti.

Intanto i ricci piatti vengono definiti così perchè non hanno bisogno nè di phon e nè spazzola, ma di un pettine, due dita (indice e medio), e tanti becchi d’oca; utilizzando le dita, dopo aver avvolto la ciocca sulle dita, spingendo con il pollice, vi rimane la ciocca arricciata e va ‘appiattita’ sulla testa e fermata con due becchi d’oca.

 

Pronte?

Pt.1:

20141107_075958

Pt.2:

20141107_080036

Pt.3:

20141108_074437

Pt.4:

20141107_080044

Da come potete notare dalle foto sono praticamente divise in piccoli quadratini, e  per ogni quadratino, ho preso la ciocca e l’ho avvolta su due dita delle mie mano, l’indice e il medio, infine li ho fissati con due becchi d’oca ad x.

Il risultato finale..

20141110_171451 20141110_171458

Questo è il risultato che ho ottenuto dopo 4 giorni dall’applicazione dei becchi d’oca…

Alcune di voi si chiederanno perchè non vi ho spiegato bene i passaggi, beh è un lavoro lungo, pensate che io ho impiegato 3 ore per realizzare i ricci piatti.

 

Ragazze questo è il tutto, voi la conoscevate la tecnica del riccio piatto? Fatemi sapere che cosa ne pensate :):)

Un bacione,

Giusy!

 

You may also like

16 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.